Francesca Penzo

è una coreografa e performer impegnata nella costruzione di spazi di condivisione e attivismo con tematiche legate al femminismo intersezionale, alle alleanze di corpi, e con un focus sull’accessibilità nell’arte e sull’equità delle opportunità. Diplomata all’Accademia Paolo Grassi di Milano, ha maturato esperienze in ambito performativo, in Italia e all’estero, come performer e creatrice di coproduzioni. Coordina il progetto Fattoria Indaco, una compagnia con sede a Bologna rivolta a performer pre-professionali nel campo della danza e delle arti performative con sede a Bologna. La laurea in Culture e Diritti Umani presso la Facoltà di Scienze Politiche di Bologna le ha permesso di sviluppare una competenza sui temi del diritto in contesti migratori e sulle questioni di genere.
È la fondatrice e presidente di MICCE.


Margherita Apone

è antropologa ed esperta di gender equality. Vicepresidente di MICCE, si occupa di progettazione e gestione progetti ed eventi per l’associazione. Collabora con Casa delle donne per non subire violenza di Bologne e con la rete nazionale D.I.Re, Donne In Rete.


Fiore Zaniboni

Attivista per Arci e Libera, si occupa di progettazione e amministrazione. È stata operatrice nelle case rifugio per la Casa delle Donne per non subire violenza di Bologna, si batte contro la violenza ostetrica e oggi lavora a Piazza Grande nell’area B della cooperativa impegnata negli inserimenti lavorativi e nel riuso. Studia geografia.


Mariagiulia Serantoni

è una coreografa e performer laureata in coreografia e ricerca presso il Master Exerce, ICI-CCN, Montpellier nel 2022. Vive a Berlino dal 2014 e recentemente ha ricevuto il finanziamento Tanzpraxis per il suo progetto di ricerca artistica “la pratica del corpo elettrico” legato al suo progetto solista “Agita”. Ha anche lavorato come performer con Jule Flierl e la compagnia Laborgras fino al 2018. Le sue opere sono state presentate in vari festival come MilanOltre, Romaeuropa e La Democrazia del Corpo. Il suo pezzo “Eutropia” è stato nominato per il premio Equilibrio e “Underground memoirs” ha vinto il premio Vivo d’arte. Dal 2020 collabora con MICCE, iniziando la collaborazione in occasione di “Metis”, un’azione sonora e coreografica sulla geografia di genere, che ha debuttato a Danza Urbana 2023.


Luwam Aldrovandi Aweke

è danzatrice, performer e studiosa in Scienze dell’Educazione all’Università di Bologna. Dal 2018 approfondisce le danze tradizionali del West Africa, mezzo imprescindibile per indagare le proprie origini e sviluppare un linguaggio coreutico personale. Tramite gli studi ed alcuni viaggi (Senegal, India) coltiva un percorso di ricerca che intreccia ambito pedagogico, tematiche di genere e intersezionalità, diritti umani e razzismo. Dal 2021 fa parte della compagnia Fattoria Indaco e collabora con realtà locali che conducono progetti artistici a scopo sensibilizzante e inclusivo.


Amara Sacko

in arte Babios Byflow, è un rapper e cantautore originario della Guinea. Danza stabilmente nella compagnia Fattoria Indaco, con la quale ha realizzato (tra gli altri) lo spettacolo MELT, in occasione del festival Danza Urbana di Bologna e del festival Th!nk P!nk di Milano. Da alcuni anni fa parte di MICCE e lavora per sviluppare la sua arte.


Giada Divulsi

è junior project manager culturale. Collabora da numerosi anni nell’organizzazione di festival cinematografici e si occupa di progettazione e gestione di progetti europei per conto di associazioni operanti nel settore dell’arte e della cultura


Francesca Frassetto

nel 2023 ha conseguito il Master Universitario in Project Management e Accesso ai Fondi Europei per la Cultura, la Creatività e il Multimedia presso l’Università degli Studi di Perugia, con tirocinio curriculare presso la Fondazione Fitzcarraldo (Torino). Si è laureata in Lettere Moderne presso l’Università di Genova e ha conseguito una specializzazione in Arti dello Spettacolo presso l’Università di Milano. Attualmente collabora con diverse organizzazioni culturali come libera professionista nel campo dei progetti europei e dell’organizzazione: Teatro C’Art (Firenze), La Quinta Praticabile (Genova), MICCE (Bologna). Ha una formazione artistica teatrale e dal 2016 è impegnata nella creazione e realizzazione di laboratori teatrali per scuole di ogni ordine e grado e scuole di teatro.


Marta Multinu

è nata e cresciuta in Sardegna e dal 2017 vive a Bologna.
Qui, dopo una laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo, ha approfondito le teorie e le pratiche della partecipazione e della co-progettazione al Corso di Alta Formazione per Innovatori Culturali.
Dal 2015 collabora con diversi festival musicali, appassionata e attenta al filo che connette i territori, la cultura e le comunità.
Dal 2023 collabora con BAM! Strategie Culturali, dove si occupa di comunicazione, progettazione e partecipazione.
Dal 2024 è parte di MICCE, di cui cura la comunicazione.


Benedetto Puccia

nel 2017 si trasferisce da Castelbuono a Bologna per studiare Didattica e Comunicazione dell’arte prima e Innovation and Organization of Culture and The Arts – GIOCA poi. È social media manager di ATTITUDES_Spazio alle arti sin dalla fondazione dell’associazione e dal 2022 collabora con la società di consulenza BAM! Strategie Culturali negli ambiti di comunicazione e digital strategy. Da anni unisce la passione per la musica e per la comunicazione collaborando con Ypsigrock Festival come social media assistant e ROBOT Festival come social media manager. Dal 2024 si occupa della comunicazione di MICCE.